pippo array(0) { }
Top

Cerchi qualcosa di specifico? fai una ricerca nel sito usando il box ricerca qua sotto

Cloud Workers: Art in the Age of the Cloud

Il 3 maggio alle 15.00 l’incontro con l’artista Carlo Zanni
Cloud Workers: Art in the Age of the Cloud

Pubblicato il 30 Aprile 2019 da redazione

Il 3 maggio 2019, alle ore 15.00, si terrà nella Sala Marmi di Palazzo Cybo-Malaspina l’incontro con l’artista Carlo Zanni, che presenterà il suo volume Art in the Age of the Cloud, pubblicato nel 2017 da Diorama Editions, Milano. L’evento sarà introdotto dal prof. Domenico Quaranta.

Se la tua arte si manifesta in forma di file, che cosa vendi? Come la vendi? Per quanto la vendi? In Art in the Age of the Cloud, l’artista Carlo Zanni conduce il lettore attraverso un viaggio e una riflessione sulle trasformazioni e le questioni aperte nel mondo dell’arte ora che anche un file può essere considerato un’opera. Alla base di questo ragionamento c’è l’idea che la vendita di video arte e progetti online debba seguire un modello analogo a quello adottato dall’industria musicale ed editoriale. Il testo parte dal racconto di un’esperienza personale: nel 2001 Zanni ha convertito delle gif animate in file video per prendere parte a una mostra al MoMA/P.S.1 che comprendeva solamente video arte. Prosegue quindi con un breve excursus storico sul panorama più ampio di queste trasformazioni, soffermandosi sulle esperienze di Napster e wikiLeaks, su un’interpretazione di Walter Benjamin, fino ad arrivare alla Blockchain, per riflettere sugli scenari possibili di cambiamento del sistema dell’arte. Provocatorio e coinvolgente, Art in the Age of the Cloud porta il lettore all’interno del cloud e in un futuro prossimo in cui i ruoli e l’etica dei comportamenti saranno rinegoziati – un mondo in cui sarà cambiato il nostro modo di pensare a come si compra e si vende un’opera d’arte.

Sin dai primi anni 2000, Carlo Zanni (nato a La Spezia nel 1975) ha esplorato l’uso dei dati di internet per creare lavori time-based che combinano una evidente coscienza sociale e l’attenzione per l’identità personale. Zanni ha esposto il suo lavoro in tutto il mondo, in gallerie e musei come: National Taiwan Museum of Fine Arts, Taiwan; Arts Santa Mònica, Barcelona; Hammer Museum, Los Angeles; Marsèlleria, Milan; Tent, Rotterdam; MAXXI, Roma; P.S.1, New York; Borusan Center, Istanbul; PERFORMA 09, New York; ICA, Londra.