pippo array(0) { }
Top

Cerchi qualcosa di specifico? fai una ricerca nel sito usando il box ricerca qua sotto

Rituali sullo spazio, la scultura e il corpo | Carrara_Cantieri del gesto

giovedì 4 - venerdì 5 aprile 2019
Rituali sullo spazio, la scultura e il corpo | Carrara_Cantieri del gesto

Pubblicato il 02 Aprile 2019 da redazione

Il progetto Rituali sullo spazio, la scultura e il corpo | Carrara_Cantieri del gesto, è ideato da Virgilio Sieni in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Carrara in occasione delle celebrazioni per il 250° anniversario della fondazione dell’Accademia.
L’idea di sviluppare a Carrara un progetto di formazione e creazione sui linguaggi del corpo e della danza nasce dal respiro che emanano gli straordinari spazi storici dell’Accademia di Belle Arti: tra mare e montagna il luogo custodisce la memoria del territorio.
Il progetto pone al centro il tema della formazione e del percorso artistico rivolto agli studenti dell’Accademia. Il percorso, che si è articolato nei mesi di febbraio e marzo in pratiche e laboratori, restituisce alla città, giovedì 4 e venerdì 5 aprile, un ciclo di performance site-specific e spettacoli. Tutti gli eventi sono a ingresso gratuito su prenotazione, posti limitati. Per prenotazioni:

Tel. 055 2280525

Email: biglietteria@virgiliosieni.it

giovedì 4 aprile, ore 20.00 e ore 20.30
Accademia di Belle Arti di Carrara, Sala dei Bassorilievi
LE BAGNANTI
COMPAGNIA VIRGILIO SIENI
di Virgilio Sieni
con Claudia Caldarano, Alessandra Fortuna, Giulia Mureddu

giovedì 4 aprile, ore 21.00
Accademia di Belle Arti di Carrara, Aula Magna
DI FRONTE AGLI OCCHI DEGLI ALTRI
di e con VIRGILIO SIENI
musica eseguita dal vivo al violoncello da Naomi Berrill
con la partecipazione dei Maestri del marmo di Carrara

venerdì 5 aprile, ore 17.00
piazza A. Gramsci (ex piazza d’Armi), punto d’incontro:
ingresso Accademia di Belle Arti, via Roma 1
CAMMINO POPOLARE
di VIRGILIO SIENI
collaborazione alla coreografia: Giulia Mureddu
assistente al progetto: Virginia Galli
con la partecipazione degli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Carrara